Giardino

Come Coltivare il Rododentro

Il suo nome deriva dal greco Rhodon che vuol dire rosa e dendron che vuol dire albero, quindi potremmo chiamarlo anche albero di rose. Sicuramente il nome gli è stato dato per la bellezza e il colore dei suoi fiori. Questo genere comprende più di 500 specie tutte bellissime naturalmente.

Il rododendro è una pianta che ama più il freddo che il caldo quindi dovrai trovarle una posizione in cui non riceva il sole diretto. Ha bisogno di luce ma soprattutto di un’eccellente umidità ambientale, in particolar modo nei mesi estivi quando le temperature si alzano. Inoltre in inverno è meglio tenerla fuori in quanto in questo periodo non sopporta temperature superiori ai 15°C e se hai i termosifoni non sopravviverebbe al caldo e all’aria secca.

Devi innaffiarla spesso in estate e le dovrai lavare anche le foglie. In inverno le innaffiature dovranno essere più distanziate. E’ importante che il rododendro venga potato in primavera poichè i fiori nascono solo sui rami nuovi e soltanto se ha ricevuto per un certo periodo 12 ore di luce e 12 ore di buio. A tal proposito se vorrai avere una fioritura più abbondante e bella devi utilizzare un po’ di fertilizzante liquido all’inizio e alla fine della bella stagione.

Il substrato in cui radica bene è un terriccio composto da terra di castagno e terra di faggio e torba, ti conviene lasciare anche un po’ di zercoli in modo da aiutare il terreno ad essere più arieggiato e drenato. Se vorrai avere una piantina giovane devi prendere una tenera talea dalla pianta madre e metterla in un vasetto con torba e sabbi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *